Vai al contenuto
orologi rolex replica ebay orologi da uomo replica di lusso orologi blancpain replica orologio replica 32 replica rolex siti affidabili di repliche di orologi differenza tra rolex originale e replica hublot all black replica orologio rolex presidential replica uomo orologi falsi rolex

Finalmente ho capito perché sono una calamita per gli uomini tossici

Ho finalmente capito perché sono una calamita per gli uomini tossici.

La mia vita sentimentale è una grande storia incasinata e i miei ex sono stati una delusione tossica dopo l'altra.

Era davvero difficile da gestire. Mi illudevo, pensando "finalmente qualcuno di normale", poi all'improvviso si scatenava l'inferno tossico. 

Inizierebbe l'abuso emotivo. Fare la vittima, colpevolizzarsi, giudicare, criticare e tutto ciò che segue lo schema di manipolazione tossica.

Lo stesso vecchio scenario si ripeteva e mi sembrava di affogare nelle mie stesse lacrime, nel mio stesso dolore.

Ad ogni delusione, il mio cuore spezzato diventava più debole, le ferite più profonde e tutto il mio essere emotivamente svuotato. 

Finalmente ho capito perché sono una calamita per gli uomini tossici

Sapevo che qualcosa non andava. Non potevo attribuire tutto alla sfortuna e alla loro instabilità emotiva. Che c'era qualcosa in me che li attirava.

Ma che cos'era?

Ho fatto qualcosa di sbagliato? C'è qualcosa di difettoso dentro di me che scatena questo comportamento malvagio?

Stavo impazzendo pensando a tutti i possibili scenari che rispondevano al motivo per cui ogni mia relazione era destinata a una fine così orribile. 

Non so dirvi il giorno esatto, ma a un certo punto mi è diventato tutto chiaro. Quando finalmente ho ritrovato me stessa, quando ero lontana dal mio ultimo ex tossico, ho scoperto i motivi per cui gli uomini tossici sono attratti da me come se fossi una calamita.

Non era una cosa sola, ma una serie di piccole cose inconsce che facevo per amore. Inoltre, possiedo caratteristiche che agli uomini tossici mancano ma che vorrebbero disperatamente avere.

La mia ultima relazione ne è stata la prova. Vi spiegherò alcune delle mie relazioni tossiche attraverso quest'ultima, perché è stato allora che ho deciso che quando è troppo è troppo. Mi merito di meglio.

Sono stato troppo comprensivo

Finalmente ho capito perché sono una calamita per gli uomini tossici

Per dirla con parole più sincere, ho sempre trovato scuse per ogni cosa di merda che faceva. Lo amavo così tanto da permettergli di mancarmi di rispetto.

Per esempio, io mi vestivo di tutto punto per il nostro appuntamento alle 20.00 e lui arrivava alle 22.00. Bisticciamo un po' e poi facciamo finta di niente.

In altre occasioni, faceva dei giochi mentali con me. Ad esempio, non mi rispondeva fino al giorno successivo.

Mi dicevo che probabilmente era andato a letto presto o che mi avrebbe raccontato una qualche scusa da idiota. Non importa; non ho dormito tutta la notte pensando a tutti gli scenari peggiori.

Ero troppo disponibile

Rispondevo al telefono non appena mi chiamava, indipendentemente da quanto tempo mi avesse ignorato prima.

Dava priorità agli amici, alla famiglia, al lavoro, agli hobby... ma mai a me. Venivo sempre per ultimo. Ero sempre disponibile quando gli conveniva venire da me o andare da qualche parte.

In pratica mi ha dato per scontata perché ha visto che poteva farlo.

Mi sono fidata di lui, nonostante il mio giudizio migliore. 

Le storie che mi raccontava, le scuse che mi dava, sembravano tutte improbabili e a volte persino irrealistiche, eppure ho scelto di credergli.

In realtà, lo sapevo bene. Volevo solo credergli perché mi piaceva... perché ci tenevo... perché volevo che fosse una persona di cui fidarmi.

Non avrei mai dovuto ignorare il mio istinto che mi mostrava tutte le bandiere rosse.

Ha giocato la carta dell'empatia

Finalmente ho capito perché sono una calamita per gli uomini tossici

Sono un empaticoSono davvero solidale con gli altri, soprattutto quando sono coinvolti sentimenti romantici. Lui ha visto questo in me. L'ha visto e l'ha usato contro di me.

Mi raccontava qualche storia strappalacrime su come la vita lo avesse trattato male, su come fosse sfortunato, su come la sua ex fosse una stronza e su come gli mancasse l'amore nella sua vita.

Mi sarei bevuta quelle stronzate e avrei giustificato il suo pessimo comportamento. Lo perdonerei prima ancora che abbia la possibilità di dire "mi dispiace".

Ho dato il mio cuore e la mia anima alla relazione e non ho ricevuto nulla in cambio. 

Non mi dispiaceva fare più sforzi di lui. Lo facevo senza nemmeno pensarci. Ma più davo, più mi sentivo vuoto perché non ricevevo nulla in cambio.

Ben presto ho iniziato a pensare che non gli importasse nulla di me. Mi mancavano un orecchio che mi ascoltasse e abbracci stretti nei giorni più tristi. Mi mancava qualcuno con cui condividere la mia felicità, invece di esserne gelosa.

Mi mancavano l'armonia, la pace e un sorriso sincero sul viso. Mi mancava tutto questo e sono rimasto lo stesso.

Non so perché, però.

È più facile razionalizzare ora che sono lontana da lui e da tutta la situazione. Ma quando ero lì, non potevo fare a meno di provare tutte le emozioni in modo così intenso e non riuscivo a controllarmi. 

Ho avuto momenti di lucidità. Mi sono trovata in situazioni in cui sapevo che andarmene era la cosa migliore. Quando piangevo giorno e notte per qualcosa che lui aveva fatto o non aveva fatto.

Avrei dovuto andarmene allora, in uno di quei momenti in cui ero arrabbiata, ferita e lo vedevo per quello che era veramente. Non sarei dovuta rimanere; gli stavo solo dando un'altra possibilità di farmi del male.

Sono rimasto più a lungo di quanto avrei dovuto perché credevo che le cose si potessero sistemare. 

Mi sbagliavo incredibilmente. Non si può aggiustare ciò che è già rotto. Non si può cambiare un uomo che non sente il bisogno di cambiare se stesso.

Ora lo so. Conosco tutti i miei errori commessi in ogni relazione e non ho intenzione di ripeterli.

Non sono più una calamita per gli uomini tossici. Sono il contrario di tutto. 

Ho imparato a riconoscere le bandiere rosse e a evitare gli uomini tossici. Ho imparato che devo rispettare e amare me stessa affinché gli altri facciano lo stesso.

Ho stabilito dei limiti che non voglio più oltrepassare. Sono diventata una donna che cresce in fiducia ogni giorno che passa.

Quella che parla quando non viene trattata bene. Quella che perdona ma non dimentica. Sono diventata una donna che non tollererà mai più la tossicità di nessuno.

Finalmente ho capito perché sono una calamita per gli uomini tossici