Vai al contenuto
orologi rolex replica ebay orologi da uomo replica di lusso orologi blancpain replica orologio replica 32 replica rolex siti affidabili di repliche di orologi differenza tra rolex originale e replica hublot all black replica orologio rolex presidential replica uomo orologi falsi rolex

Al ragazzo che è stato beccato con le mani nel barattolo dei biscotti: Non dare la colpa al biscotto

Al ragazzo che è stato colto con le mani nel barattolo dei biscotti: Non dare la colpa al biscotto.

Ho sentito che sei arrabbiato con me. Ti ho reso le cose difficili, vero? Dovrei scusarmi? Sai cosa hai fatto, vero? Hai imbrogliato e ti hanno beccato. Non ho cercato di tradire mia moglie. Non ho rintracciato la mia fidanzata del liceo quasi un decennio dopo averle spezzato il cuore per scusarmi. Mi facevo i cazzi miei. Vivendo la mia vita. Tu, un ricordo lontano accompagnato da un cattivo sapore in bocca. Il sapore del dolore, del tradimento e della disperazione.

Eri un sogno del liceo che si è avverato e che si è trasformato in un incubo. Sei entrato nella mia vita come una fantasia. Capitano della squadra di calcio e di basket. Intelligente, carismatico, bello, affascinante e divertente. Tutte queste cose! Il tipo di attrazione che è innegabile. Mi hai lasciato innamorare di te e poi hai scelto lei. E poi, invece di lasciarmi andare, mi hai tenuto con te finché non sono diventata scomoda per te. Poi, alla fine, ti sei liberato di me nel modo peggiore. Sai cosa hai fatto. E poi ti ha perseguitato. Per otto anni ti ha perseguitato. Hai chiesto di me ai nostri amici, ti sei informato su come stavo e hai aspettato. Hai aspettato finché non sono stata perfettamente bene. Quando il fantasma di ciò che eri per me si era già da tempo insediato nella mia mente, e poi hai deciso di placare il tuo senso di colpa. A spese del mio cuore - e se ti avessi lasciato entrare - forse del mio futuro.

Quando ho sentito la tua voce, sono tornata quindicenne. Quando mi hai detto che mi amavi, la ragazzina che era in me era euforica. Era come se il tempo fosse scomparso e fossimo tornati a essere noi. Tutte le cose che erano belle dell'essere noi. Ma le donne adulte mi hanno chiamato "stronzate". Stronzate del cazzo. Eravamo una bugia. Eravamo un'illusione che è scomparso quando sei tornato dalla tua ragazza e hai fatto finta che fossimo solo amici, e io ho fatto finta che non mi uccidesse. Non eravamo altro che io che ti idolatravo al punto che non riuscivo a capire che mi stavi usando. Ti ho dato tutte le cose che ti mancavano nella tua relazione, e poi tu sei tornato al tuo posto, mentre io sono rimasta a guardare fino alla volta successiva in cui avresti avuto bisogno di quello che ti serviva da me. Ero il tuo posto sicuro. La tua persona. Ma lei era la tua donna. E ho passato 10 anni ad aspettare che ti svegliassi e vedessi che potevo essere il tuo tutto.

Puoi fingere di non sapere che ti amavo, che eravamo qualcosa che non eravamo. Potete riscrivere la storia nella vostra testa per far apparire il vostro personaggio più comprensibile. Ma la verità è che eravate egoisti. Eravate egoisti allora e lo siete anche adesso. Dopo tutto quello che mi hai fatto passare, e mi hai fatto passare una merda che potrebbe riempire un romanzo... non meriti nemmeno di essere perdonato. Ma io ti ho perdonato. Molto tempo fa. Quando ho smesso di amarti. Quando ho analizzato a fondo la situazione e ho stabilito che hai fatto ciò che pensavi di dover fare per te e per la tua famiglia, ho lasciato perdere. Mi sono spostato così lontano passato che non ti odiavo nemmeno più.

In tutto questo tempo, ti ho lasciato solo. A vivere la tua vita con la donna che avevi scelto. A costruire una famiglia con il bambino che hai creato mentre andavi ancora a letto con me e non usavi consapevolmente gli anticoncezionali. Anche quando mi hai fatto scoprire da un'altra persona che tuo figlio era nato, due settimane dopo l'ultima volta che sono stata con te e non avevo idea che ti mancassero poche settimane per diventare padre. Ti ho lasciata sola. Nonostante quanto mi hai ferito, non ho cercato di ferirti a mia volta, né di distruggere il tuo mondo come tu hai fatto con il mio. Ti ho lasciato solo per sposarla, avere un altro figlio con lei, crescere quei bambini con lei. Ti ho lasciato solo. È quello che si fa quando si ama davvero qualcuno. Li hai lasciati andare. Lasciate che vivano la loro vita, anche se non con voi, perché volete sinceramente il meglio per loro... anche quando non vi hanno dato alcun motivo per mostrare tale lealtà.

Quindi, ora lei, signore, NON può arrabbiarsi con me. Non ti ho fatto nulla, a parte esprimere l'effetto che la tua apparizione nella mia vita (8 anni dopo esserti estinto nel modo più crudele possibile) stava avendo sulla mia psiche. E per essere chiari su quale fosse questo effetto, per cominciare, ho pianto per tre giorni interi. Mi sono data malata al lavoro per due giorni. Mia madre è venuta a trovarmi, è scesa dall'aereo, mi ha guardato e ha pensato che avessi vomitato per tutto il giorno. No, stavo solo piangendo. Senza sosta. Perché mamma, ti ricordi quella volta che mi hai detto: "Quel ragazzo non ti ama. Non è tuo amico e devi lasciarlo in pace". Te lo ricordi? Sì, beh, a quanto pare mi ama davvero. Quindi, ecco. Vedi. Altre lacrime. Un po' di rabbia di mamma. Ricordi di tutte le cose terribili che ha fatto. Come se me ne fossi dimenticata. Questo è stato l'inizio.

Poi l'incertezza, mentre cercavi di dirmi che eri sempre stato io ad amare e a voler stare con me. Il desiderio profondo che ho di crederti. Il bisogno che fosse vero. Di confermare che tutto quello che era successo faceva parte di una storia d'amore molto contorta che si sarebbe conclusa felicemente con me e te che saltavamo verso il tramonto. I mesi di angoscia mentre ti sentivo sporadicamente, nel migliore dei casi, ma continuavi a giurare di amarmi, di voler stare con me, di volermi vedere... e io dicevo di no. Che volevo dire di sì. Sentendo la tua mancanza, desiderandoti, soffrendo per qualcosa che mi ero rassegnata a non avere mai. Finché alla fine, in una raffica di messaggi, mi sono detto: "Vaffanculo"... apparentemente dal nulla. Esprimevo solo quanto sei stato egoista e quanto mi hai ferito nel corso degli anni. Ne avevo diritto. Come minimo. Quindi non puoi arrabbiarti con me perché tua moglie l'ha visto. Non è colpa mia, né era mia intenzione. Sarò onesto, mi dispiace per lei... ma tu? Puoi andare a farti fottere. Sei arrabbiato con me? Continua.

Al ragazzo che è stato beccato con le mani nel barattolo dei biscotti: Non dare la colpa al biscotto